ITALIA, Lombardia

Milano insolita: i 5 posti che non conoscevi 

Milano è bella, caotica e famosa in tutto il mondo, con il Duomo, la Galleria Vittorio Emanuele II e il Castello Sforzesco. Eppure esiste anche una Milano insolita e meno conosciuta; scopriamo insieme 5 posti che in pochi conoscono.

1. CASA 770: LA CASA CHE HA 12 CLONI NEL MONDO

La famosa ‘Casa 770’ la potete trovare in via Carlo Poerio, n.35 e non potete non notarla. I suoi tratti architettonici che richiamano subito i Paesi Bassi, racchiudono una storia. Infatti, questa curiosa casetta non è l’unica, o meglio, ci sono altri 12 esemplari identici in giro per il mondo. Sono infatti una copia dell’omonima casa presente a Brooklyn, in America. Questa di Milano è stata, non molti anni fa, la dimora del rabbino Yoseph Yitzchok Schneerson che la utilizzava come rifugio per scappare dalle persecuzioni naziste. 

Casa a Milano che ha 12 cloni nel mondo, posto insolito da visitare per una gita di un giorno a Milano

2. CÀ DELL’OREGGIA: SE LE CONFIDI I TUOI DESIDERI SI AVVERANO

Sembra una barzelletta ma è tutto vero. Se vi recate in via Serbelloni, più precisamente al civico 10, vi troverete davanti un grande citofono in bronzo a forma di orecchio. Particolare altrettanto pittoresco è la leggenda che gira intorno a questo simpatico citofono. Infatti, si dice che se sussurri all’orecchio i tuoi sogni e desideri questi, un giorno, si avvereranno. Noi l’abbiamo fatto, stiamo ancora aspettando, ma perchè non provarci? Se lo fate, fatecelo sapere taggando @farovers_  nelle vostre storie su Instagram.

Casa a Milano con citofono a forma di orecchio, posto insolito da visitare per una gita di un giorno a Milano

3. MURALE DELLA RIPARTENZA: REALIZZATO NEL 2020 PER RIPARTIRE DALLA PANDEMIA

Il Murale della Ripartenza ‘Ready To Go’ è sicuramente un posto insolito che pochi di voi conosceranno essendo molto recente. Si tratta di un murale rappresentante due dita infilate in due scarpe e la scritta ‘Ready To Go’ (Pronti a partire). Quest’opera d’arte situata in via Mascagni è stata realizzata con lo scopo di infondere speranza e determinazione nella ripartenza dopo la pandemia del Covid-19. 

Murales da vedere a Milano, posto insolito da visitare per una gita di un giorno a Milano

4. FENICOTTERI ROSA A MILANO NELLA VILLA INVERNIZZI

E se vi dicessimo che a Milano, in via Dei Cappuccini, 9 potreste trovare dei fenicotteri rosa, voi ci credereste? 

Ebbene si, i giardini della Villa Invernizzi sono la dimora di un gruppo di fenicotteri rosa che potrete ammirare guardando attraverso le piante e la cancellata che circondano la villa. 

Villa Invernizzi a Milano con i fenicotteri, posto insolito da visitare per una gita di un giorno a Milano

5. CASA DI CARTE NEL CASTELLO POZZI

Per concludere il giro di posti insoliti che potete trovare a Milano vi consigliamo la Casa di Carte. Si tratta di una struttura triangolare fatta di carte da gioco e la potete trovare nel giardino del Castello Pozzi, viale Berengario n.8. È racchiusa all’interno della proprietà della villa, quindi non è possibile interagire con la struttura, ma essendo molto vicino alla cancellata vi permetterà di ammirarla in tutta la sua particolarità.

Casa di carte a Milano, posto insolito da visitare per una gita di un giorno a Milano
ITALIA, Lombardia

7 posti poco conosciuti da vedere in Lombardia

1. BRANZI E CARONA

Il primo posto che vi consigliamo in realtà comprende due paesini in Lombardia, uno vicino all’altro. Stiamo parlando di Branzi e Carona. A quest’ultimo potete trovare un piccolo ma caratteristico lago, intorno al quale si può fare una breve e tranquilla passeggiata. Dopo la passeggiata a Carona vi consigliamo di recuperare le energie all’Hotel Pedretti, a Branzi. Questo posto, oltre ad essere un hotel, è un buonissimo ristorante dove si possono assaggiare ottimi piatti tipici, primo fra tutti la polenta concia. Qui, volendo, parte anche il sentiero che vi permette di raggiungere uno dei luoghi più suggestivi della zona: i Laghi Gemelli. 

Ponte situato nella città di Branzi, in provincia di Bergamo

2. RONCOBELLO

Roncobello è un piccolo paesino situato nella valle del torrente Valsecca. Sicuramente una meta poco conosciuta ma che vi permetterà di rilassarvi grazie al silenzio e la natura che lo circonda. Potreste anche inserirla come tappa di un gita in giornata per poi raggiungere Branzi, Carona o addirittura la più conosciuta Foppolo. 

3. CORNELLO DEI TASSO

Cornello dei Tasso è uno dei borghi medievali più caratteristici e tutt’ora meglio conservati all’interno del territorio lombardo. Un borgo che si gira a piedi in davvero poco tempo ma che merita una visita per la sua unicità. Il nome richiama subito la famiglia Tasso, la quale ha vissuto proprio in questo bellissimo borgo lombardo. Qui, infatti, è possibile vedere sia le rovine dell’antico palazzo della famiglia Tasso sia il museo che racconta la loro storia. 

Non è possibile raggiungere il borgo in macchina. Vi consigliamo di parcheggiare cercando sulle mappe ‘Sentiero per Cornello dei Tasso’, è un punto in cui è possibile raggiungere il piccolo borgo a piedi lasciando la macchina praticamente sotto di esso. Attenzione però che i posti auto sono limitatissimi. 

Vista dal borgo medievale lombardo Cornello dei Tasso

4. SONDRIO

Sondrio, per quanto possa essere conosciuta, non ve la consigliamo come gita di una giornata, ma piuttosto come breve tappa durante un piccolo viaggio. Da vedere sicuramente il Castello Masegra, punto panoramico dal quale vedere tutta la città. Noi vi consigliamo di parcheggiare qui – 46°10’32.4″N 9°52’23.3″E –  parcheggio comodissimo e gratuito.

Vicino al castello troverete anche Via Scarpatetti, una via suggestiva caratterizzata da casette tipiche, sembra di fare un salto indietro nel passato.

Se non vi piace dormire in città, ma preferite posti più tranquilli e lontani dal caos, in zona vi consigliamo l’Agriturismo Terra del Sole. Un accogliente agriturismo, semplice ma al contempo ben tenuto, con camere molto spaziose e dotate di angolo cottura. Il personale è molto gentile e la posizione davvero comoda per raggiungere Sondrio.

Vista panoramica su Sondrio, dove vedere il tramonto a Sondrio

5. PONTE IN VALTELLINA

Magari qualcuno di voi avrà sentito parlare di questo piccolo comune nella provincia di Sondrio. Di per sé è un comunissimo paesino di montagna, con un bel centro storico da girare a piedi. Ma il suo punto forte è questo: Via Rivaccia, 2-1. Apparentemente è solo l’inizio di una strada stretta che porta in mezzo ai vigneti, ma vi assicuriamo che la vista è mozzafiato. Se poi, come noi, ci andate durante l’inverno in una giornata di neve non riuscirete a smettere di ammirare l’incredibile panorama.

Punto panoramico dal borgo lombardo Ponte in Valtellina

6. CHIURO

Ci troviamo sempre in provincia di Sondrio, in un piccolo paesino. Ci piacciono i piccoli borghi, si era capito? 

Sicuramente molto meno conosciuto di altri borghi, ma secondo noi vale la pena inserire Chiuro come tappa se vi trovate in queste zone per fare una gita in Lombardia.

7. PONTE TIBETANO

L’ultimo posto che vi consigliamo è più un’attrazione: il Ponte Nel Cielo. Probabilmente ne avrete già sentito parlare: si tratta di uno dei ponti tibetani più alti d’Europa, ben 140 metri dal suolo. Si definisce tibetano un ponte che è ancorato solamente alle due estremità, quindi senza alcun appoggio al suolo. Tenete presente che questo è lungo 200 metri, non è proprio una passeggiata. Nonostante questo noi ve lo consigliamo caldamente perché è sicuramente un’esperienza diversa dal solito e adrenalica. Il costo è di soli 5 euro e i ragazzi fino alle medie entrano gratis. 

Se volete informarvi meglio vi lasciano il link che rimanda al sito ufficiale con tutte le informazioni.

ITALIA, Lombardia

Idee per una gita di un giorno vicino al lago di Como

Se volete fare una gita di un giorno vicino al Lago di Como ma non sapete dove andare, vi aiutiamo consigliandovi qualche posto meno noto. 

1. POMELASCA: VIALE ALBERATO E CHIESETTA ROSSA

La chiesetta rossa di Pomelasca è una meta insolita nei dintorni di Como, anche noi l’abbiamo scoperta per caso mentre cercavamo posti da vedere vicino al Lago di Como. È molto suggestiva ma, a nostro parere, lo è ancora di pià il viale alberato che conduce a questa chiesetta: Via Alberto da Giussano. Se ci capitate, come è successo a noi, durante una giornata autunnale un po’ grigia lo spettacolo è assicurato.

2. FARO VOLTIANO

Il secondo posto che vi consigliamo è il punto paoramico per eccellenza dal quale ammirare in tutta la sua maestosità il lago di Como. Stiamo parlando del Faro Voltiano di Brunate. È raggiungibile sia con funicolare che con la macchina, con quest’ultima la strada a tratti è stretta e vige il doppio senso, quindi state attenti. Si parcheggia qui (45° 49′ 31.872″ N 9° 6′ 9.547″ E) e si raggiunge poi il faro in pochi minuti a piedi. Per una vista ancora più incredibile vi consigliamo di guardare l’alba o il tramonto sul lago di Como da qui.

faro voltiano sul lago di como, faro voltiano di Brunate, vista panoramica sul lago di como

VILLA DEL BALBIANELLO

Non si può parlare del lago di Como senza parlare delle ville che si affacciano direttamente sul lago. Quella che abbiamo visitato noi è, forse, la più famosa: la Villa del Balbianello. Proprio qui, infatti, sono state girate alcune scene dei film di Star Wars e, che dire, ottima scelta George Lucas. Noi l’abbiamo raggiunta a piedi ma è possibile anche raggiungerla in barca, potrebbe essere un’esperienza più romantica e suggestiva entrando direttamente dal piccolo cancello che dà sul porticciolo privato. L’abbiamo visitata gratuitamente durante un evento FAI. Facendo parte del FAI ogni tanto si ha la possibilità di visitare questa, e altre strutture a loro connesse, gratuitamente, tenetevi informati se siete interessati. Per qualsiasi altro dettaglio e informazione vi lasciamo qui il sito della villa.

ORRIDO DI NESSO

La meta più suggestiva che vogliamo consigliarvi è l’Orrido di Nesso. Situato lungo le coste del lago e proprio nel comune di Nesso, questo orrido è una gola naturale caratterizzata da un’altissima cascata che, infrangendosi nel Lario, raggiunge le acque del lago passando al di sotto di un antico ponte. Vi diciamo subito che parcheggiare non è comodo, infatti i parcheggi vicino sono limitati e, essendo un paesino piccolo la possibilità di parcheggio in generale è molto bassa. Quindi armatevi di pazienza e scarpe comode. I pochi parcheggi vicini si trovano in Via Roma 23, esattamente sulla strada principale che attraversa il paesino.

Per vedere la cascata da vicino dovete salire rispetto al lago e raggiungere il punto panoramico. Si raggiunge imboccando una vietta a pochi metri dal parcheggio e molto difficile da trovare, vi lasciamo le coordinate: N 45° 54′ 35.286” E 9° 9′ 19.586”. La vista è sicuramente bella ma un po’ limitata da una tettoia.

Il ponte antico che vi abbiamo citato poc’anzi si chiama Ponte della Civiera e lo trovate proprio sulla riva del lago. Per raggiungerlo dove scendere, appunto, verso il lago passando per il paese che è altrettanto caratteristico (N 45° 54′ 36.962” E 9° 9′ 20.754”).

Ponte antico Orrido di nesso sul lago di como
vista panoramico sull'orrido di nesso al Lago di Como
ITALIA, Lombardia

5 posti da vedere sul Lago di Garda

Il Lago di Garda, è il maggiore lago italiano e si distende tra ben tre regioni del nord Italia: Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige. 

È un lago che ti permette di vivere qualsiasi tipo di esperienza: passeggiate ed escursioni, giri in bicicletta nei piccolo borghi, gite in barca, parchi divertimento, e tanto altro. C’è davvero di tutto! 

Nonostante possa offrire molto, al Lago di Garda non si smettono mai di scoprire nuove cose da fare e nuovi luoghi da visitare. Per questo abbiamo deciso di elencare qui 5 delle nostre esperienze preferite sul Lago di Garda.

1. SPIAGGIA PISENZE

Questa suggestiva piccola spiaggia si trova a Manerba del Garda, in provincia di Brescia ed è buon compromesso tra chi vuole rilassarsi e chi invece vuole andare alla scoperta di nuovi posti. Infatti, la Spiaggia di Pisenze fa anche da punto di accesso per diversi sentieri e passeggiate che attraversano il Parco Naturale della Rocca. Sicuramente il luogo perfetto per allontanarsi dal caos della città, godersi un po’ di relax e concedersi un bagno rinfrescante.

Spiaggia di Pisenze sul lago di Garda

2. ROCCA DI MANERBA

Situata su uno sperone di roccia, la Rocca di Manerba, offre una bellissima vista sul Lago di Garda. Facile da raggiungere grazie ad un parcheggio a pochi metri di distanza, questa rocca ha un storia molto antica. Infatti, dopo vari scavi archeologici, sono stati rinvenuti resti di insediamenti risalenti ad almeno 5000 anni fa. Ad oggi rimangono solo resti dell’ultima struttura medievale, ma, se questi resti potessero parlare, avrebbero delle storie incredibili da raccontare. 

Vista sul lago di Garda dalla Rocca di Manerba, Rocca di Manerba, Vista panoramica sul lago di Garda

3. PUNTA SASSO

Il terzo luogo che vogliamo consigliarvi è un altro spot con vista panoramica poco lontano dalla Rocca di Manerba, anzi la rocca stessa è proprio il punto di partenza. La vista ripaga sicuramente la fatica: da Punta Sasso potrete ammirare tutta l’imponenza del Lago di Garda e scorgere anche la famosa Isola dei Conigli. Godetevi un meritato riposo sotto l’ombra perchè poi, per tornare alla macchina, bisogna riprendere la stessa strada. Forza e coraggio! 

*il percorso è abbastanza scosceso, conviene indossare scarpe da ginnastica o trekking.

Vista panoramica sul lago di Garda da Punta Sasso, a Manerba sul Garda

4. CICLOPEDONALE LIMONE SUL GARDA

Un’altra esperienza da fare è un giro in bici al lago di Garda e allora la prossima tappa non può mancare nel vostro percorso. Siamo sicuri che almeno una volta nella vita avrete sentito parlare della Ciclopedonale a Limone sul Garda, forse alcuni di voi la conoscono come la ciclopedonale a strapiombo sul lago. Si tratta di una ciclopedonale lunga 5 km, sospesa per 2km sulle acque azzurre del lago. L’orario migliore per percorrerla, a nostro avviso, è al tramonto, sia per la luce che per la temperatura nel caso in cui vi rechiate d’estate. È possibile andare con la propria bici o a piedi, noi abbiamo deciso di noleggiare 2 biciclette elettriche da Limone Bike Rental.


NB: se noleggiate le bici purtroppo l’orario in cui percorrere la ciclopedonale sarà vincolato ai loro orari di apertura e chiusura. Noleggiandola alle 18 siamo comunque riusciti a goderci una fantastica atmosfera. 

Un giro in bici sulla Ciclopedonale a strapiombo sul lago di Garda, ciclopedonale più lunga d'Italia

Una menzione va fatta anche al paese di Limone sul Garda, molto caratteristico e che merita sicuramente un giro tra le sue piccole vie del centro.

Noi abbiamo alloggiato proprio a Limone per poter vedere tutti i luoghi sopra descritti. Abbiamo scelto l’hotel Villa Margherita per l’ottimo rapporto qualità/prezzo e per la vista dal balcone della camera.

Hotel con vista sul lago di Garda, dove dormire sul lago di Garda

5. TREMOSINE + TERRAZZA DEL BRIVIDO

Questa ultima tappa racchiude in realtà 2 consigli. Il primo è visitare un imperdibile borgo sul lago di Garda, Tremosine. È un insieme di 18 frazioni e uno dei borghi più belli d’Italia: vedere per credere! La frazione più conosciuta, nonché quella che abbiamo visitato noi, è Pieve, un piccolissimo paesino che si visita in cinque minuti, ma molto caratteristico.

Due passi per uno dei borghi più belli del lago di Garda, Tremosine, borgo più dell'Italia, terrazza del brivido lago di Garda

A pochi minuti di macchina da Pieve trovate la famosa Terrazza del Brivido. Perchè si chiama così? È una terrazza sospesa nel vuoto a 350 metri di altitudine. Acrofobici siete avvisati! C’è però da sapere che questa terrazza non è aperta al pubblico in quanto facente parte di un bar ristorante, per accedervi è quindi obbligatoria la consumazione. Ma quale miglior modo di concludere la gita al lago di Garda se non con un aperitivo con vista?

Ad ogni modo, se volete godere di una bella vista panoramica vi lasciamo le coordinate di un altro punto totalmente gratuito: N45°46’15.285’’ E10°45’38.912’’.

ITALIA, Lombardia

Il Trenino del Bernina: le 3 fermate da non perdere

Il Trenino Rosso del Bernina è un’esperienza che a nostro avviso va vissuta almeno una volta nella vita. Non dovete per forza essere appassionati di montagna o di escursioni, vi basta sedervi sul sedile del treno (vicino ai finestroni mi raccomando!) e godervi il panorama che cambia ad ogni curva e a ogni galleria.

L’itinerario che questo treno percorre tocca due stati, l’Italia e la vicina Svizzera. Partendo da Tirano, 429 m slm arriva a toccare i 2.253 m slm nel punto più alto, ma non l’ultimo, del suo percorso, l’Ospizio Bernina.

Un viaggio che vi fa rimanere attaccati al finestrino, che vi fa emozionare ad ogni panorama ma che allo stesso tempo non permette di scattare tutte le foto che vorreste perché c’è troppa bellezza e il treno deve andare.

Per fortuna, per rimediare a questo, il biglietto per avere accesso al treno vi permette di scendere e salire tutte le volte che volete, sia all’andata sia al ritorno. Essendoci tanti posti lungo il percorso che valgono la sosta e non avendo magari tempo per visitarli tutti, eccoci a consigliarvi le 3 fermate che vale veramente la pena fare.

Esperienza del Trenino del Bernina, dove prendere il trenino del Bernina

Miralago

Miralago è una delle primissime fermate, non si può non riconoscerla perché vi ritroverete a costeggiare un bellissimo e coloratissimo lago, il lago di Poschiavo. Secondo noi è una tappa che merita assolutamente la fermata perché da qui parte una bellissima passeggiata che permette di costeggiare il lago e di raggiungere a piedi la tappa successiva, Le Prese.

Non è per niente complessa come passeggiata, anzi, tutta pianeggiante. D’estate è per lo più all’ombra durante la mattinata, quindi al fresco, d’inverno è perfettamente praticabile senza alcun tipo di problema.

Se effettuerete questa fermata camminando fino alla tappa successiva vi consigliamo di utilizzare scarpe da trekking o scarponi perché, anche se adatta a tutti, è pur sempre una passeggiata di circa 3 chilometri. Questo nostro consiglio vale ancora di più se effettuerete ulteriori fermate a quote più alte.

Una volta raggiunta la riva opposta alla fermata Miralago ci sono panchine e tavoli per una piccola pausa e/o per pranzare, la vista merita sicuramente.

Se invece preferite proseguire vi ritroverete immersi in verdi prati che vi accompagneranno per il vostro cammino fino alle prime casette della località Le Prese, dalla quale potrete risalire sul trenino e proseguire il vostro viaggio.

Se state pensando di organizzare un viaggio sul trenino durante l’inverno vi consigliamo vivamente di effettuare questa passeggiata perché il lago ghiaccia e lo spettacolo è assicurato. Durante il nostro di viaggio lo abbiamo trovato mezzo ghiacciato e mezzo no, mai vista una cosa così!

 

Tappe del Trenino del Bernina: Miralago

Cavaglia

Cavaglia è la prima vera tappa che ha il profumo di montagna. Situata a 1693 m slm si caratterizza per essere una conca immersa tra le montagne, all’interno della quale vi sono pochissime abitazioni oltre alla fermata del treno. È un luogo pieno di natura, pace e purezza.

È altrettanto bello anche il tragitto che il treno percorre per arrivare a questa tappa, infatti, partendo da Poschiavo, 1014 m slm, il treno inizia la sua salita attraversando boschi e gallerie, arrampicandosi sulla parete della montagna effettuando continui cambi di direzioni e affacciandosi sulla valle sottostante: una vista incredibile!

Questa tappa la vogliamo consigliare anche per la possibilità di visitare il Parco delle Marmitte dei Giganti. A pochi minuti dalla fermata del treno troverete l’ingresso a questo parco geologico. Infatti, all’interno di questo parco gratuito potrete trovare delle enormi e profonde buche create dai giacchiai nell’arco di 11.000 anni.

Bernina Diavolezza

Bernina Diavolezza non può assolutamente mancare, sappiatelo. Proprio alle spalle della fermata infatti c’è la funicolare che vi porterà fino a quota 2.973 metri!

Il costo per andata e ritorno non è economico, 34 euro a persona, ma la vista vi farà letteralmente dimenticare questa spesa. In cima troverete poi il rifugio presso il quale potrete sia mangiare a buffet sia alla carta, oppure usufruire dei tavoli per mangiare il vostro pasto al sacco. Il rifugio non è particolarmente economico.

La poca presenza di neve durante l’estate permette, agli appassionati, di effettuare delle escursioni, scelta che diventa più ardua durante l’inverno, a meno che non saliate attrezzati a dovere. Per noi questo posto è perfetto per rilassarsi, ammirare il panorama spettacolare e godersi il silenzio delle montagne.

L’itinerario del treno prosegue ancora fino alla destinazione finale che St. Moritz. A noi non interessava arrivare fin lì, volevamo goderci la natura e rilassarci. Molti invece decidono di percorrere tutto il tragitto restando sul treno e, arrivati a St. Moritz, spendono la giornata lì rientrando in serata. Proprio per questo è un’esperienza adatta a chiunque, dai più appassionati di montagna alle famiglie che vogliono passare una giornata insieme.

A prescindere da che tipo di esperienza decidiate di fare, ricordate una cosa: posti vicino ai finestrini e macchina fotografica/telefono pronti, vi serviranno per immortalare questi paesaggi stupendi!